Chiave Bitcoin segnali metrici dei prezzi BTC può essere vicino ad un top locale

I minatori Bitcoin stanno vendendo a un livello mai visto dal luglio 2019, quando il prezzo di BTC ha raggiunto i 14.000 dollari.

Secondo i dati di CryptoQuant, i minatori sembrano vendere grandi quantità di Bitcoin (BTC). Storicamente, l’aumento della pressione di vendita da parte dei minatori ha segnato un picco locale e ha portato a brusche e prolungate correzioni.

Perché i minatori Bitcoin vendono?

Nel maggio 2020, l’analista a catena Willy Woo ha detto che ci sarebbero state due fonti di pressione di vendita senza eguali sul mercato dopo il dimezzamento della ricompensa in blocco.

Woo ha individuato i minatori Bitcoin e gli scambi di valuta criptata che vendono i compensi che guadagnano sotto forma di attività criptate come fonti di pressione di vendita. Ha detto:

„Ci sono solo due pressioni di vendita senza eguali sul mercato. (1) I minatori che diluiscono l’offerta e vendono sul mercato, questa è la tassa nascosta attraverso l’inflazione monetaria. E (2) le borse che tassano i commercianti e vendono sul mercato“.

Quindi, nel breve e medio termine, i minatori potrebbero continuare a servire come una delle principali fonti di pressione di vendita sulla Bitcoin.

Sulla base dei dati di CryptoQuant, l’indice di posizione dei minatori (MPI) è aumentato significativamente negli ultimi giorni.

Il 10 gennaio, l’MPI ha raggiunto un livello pari a quello del luglio 2019, quando il prezzo di BTC è sceso rapidamente sotto i 14.000 dollari. Ki Young Ju, l’amministratore delegato di CryptoQuant, ha dichiarato:

„L’Indice delle posizioni dei minatori sembra abbastanza per fare un top locale. Stanno vendendo $BTC. Ho intenzione di puntare un piccolo corto per scalare $BTC in questo mercato ribassista a breve termine. Dal dicembre dell’anno scorso vendevano $BTC, ma la correzione è stata minima a causa del potere d’acquisto istituzionale“.

Ki ha poi notato che ha chiuso lo scalp short, sottolineando che la correzione è stata di breve durata.

E‘ possibile che la domanda di acquisto proveniente dagli Stati Uniti stia travolgendo la pressione di vendita dei minatori. Questa teoria è supportata dalla recente tendenza del trading dei prezzi Bitcoin ad un premio più alto a Coinbase rispetto ad altri importanti scambi come Binance.

Cosa si aspettano i trader nel breve termine?

Alcuni trader si aspettano che i Bitcoin vedano un maggiore ritiro nel breve termine. Edward Morra, un trader di cripto-currency, ha detto che un possibile scenario è una lenta correzione a circa $36.000.

Morra ha osservato che lo scenario di un calo del Bitcoin fino a 36.000 dollari è improbabile, ma sarebbe una „tipica cosa da mercato toro“. Ha scritto:

„Penso che sia uno scenario improbabile, ma vedo una certa somiglianza con la transizione della scorsa settimana tra domenica e lunedì. A proposito, questo è molto rialzista per fissare il minimo della settimana di lunedì e poi espandersi, tipica cosa del mercato dei tori“.

Philip Swift, il creatore di LookIntoBitcoin, ha detto che mentre è improbabile che Bitcoin veda un ritiro del 30%, il tasso di apprezzamento potrebbe diminuire. Questo potrebbe portare a un rallentamento del ritmo di crescita di BTC, soprattutto perché ritesterà il livello di resistenza di 42.000 dollari nel prossimo futuro. Ha spiegato:

„Un punto di chiarimento, dato che sembra esserci un’interpretazione errata. Non credo che il $BTC sia sul punto di crollare del +30%, ho pensato/pensiero che il tasso di apprezzamento dei prezzi potrebbe rallentare nel prossimo futuro“.